spacer

Books

L'Italia fatta in casa (2009)

Alberto Alesina
Professor of Economics
Department of Economics Harvard University

Andrea Ichino
Professor of Economics
Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna

Click on the cover to reach the book's website

Si può affermare che gli italiani, grazie a quanto le loro famiglie producono in casa, siano più ricchi di quel che normalmente si pensi? Alberto Alesina e Andrea Ichino sono convinti di sì e lo dimostrano: gli uomini e, soprattutto, le donne svolgono nelle nostre case, più lavoro di quello fatto tra le mura domestiche di altri Paesi: un lavoro che vale molto. L’Italia ufficiale, non sempre ai primi posti nelle classifiche mondiali sulla qualità della vita e lo sviluppo economico, nasconde quindi un primato di cui spesso ci si dimentica. E il risultato è che, a conti fatti, quanto ci dice il Prodotto interno lordo sul reale stato delle cose nel nostro portafoglio rispetto agli altri paesi sviluppati è da rivedere.
Ma cosa richiede la produzione di questa ricchezza tutta italiana? Siamo sicuri che sia davvero tutto oro quello che luccica? Tassello dopo tassello, in un’analisi obiettiva e spassionata che finisce per diventare un viaggio coinvolgente e straordinariamente attuale nelle mille realtà dell’«Italia fatta in casa» (Passa più tempo con i figli il laureato o il diplomato? Cucinano di più i nonni o i nipoti? Il giardino lo cura di più chi guadagna molto o chi guadagna poco? Se un ora passata con i figli vale quanto un'ora in ufficio ...) si delinea il profilo di un Paese che gode di questa ricchezza al prezzo di conseguenze non sempre desiderabili per i rapporti tra donne e uomini, per la creazione di capitale sociale, per il sistema educativo, per il mercato del lavoro e per la struttura del welfare state. 
Il nesso tra questa ricchezza e le sue conseguenze è sorprendentemente vicino all’esperienza quotidiana di ciascuno di noi: possiamo contare su un sistema di produzione anomalo rispetto alle economie più avanzate, il cui cuore pulsante è la famiglia, formidabile unità produttiva  ed erogatrice di servizi ma al tempo stesso piovra che tra le sue spire ingessa il paese in una immobilità sociale e in una mancanza di fiducia verso ciò che sta fuori delle mura di casa che frenano lo sviluppo.

In pagine documentatissime, ma agili e non prive di ironia, scopriamo così che agli italiani si impone una scelta: forse va tutto bene così, ma i costi non sono indifferenti. C’è allora spazio per qualche utile cambiamento ed in che direzione? Il libro risponde in modo originale, senza pregiudizi e lontano dai luoghi comuni.
spacer